Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: la bravura di Pioli è anche tattica

Pubblicato

il

MILANO – Stefano Pioli ha di fatto trasformato il Milan in un anno, portandolo ad essere da un’opaca e sbiadita comparsa della serie A ad una capolista da record, una squadra che non perde in campionato da marzo e che, nell’epoca dei tre punti a vittoria (ovvero dalla stagione 1994-95), è quella ad esser partita meglio con 37 punti in 15 giornate. Certo, il ritorno di Zlatan Ibrahimovic lo scorso gennaio ha messo la strada in discesa e lo stesso Pioli ha ammesso di essere migliorato grazie alla presenza e al carisma del fuoriclasse svedese, ma i meriti e le capacità del tecnico sono comunque molteplici e non soltanto dal punto di vista psicologico e mentale.

Trovata tattica

L’allenatore milanista ha certamente avuto il pregio di unire e compattare un gruppo sfilacciato e quasi depresso, al punto da esaltare pure la proprietà che già aveva deciso di metterlo alla porta per far posto a Rangnick. Ma Pioli ha messo sul piatto anche tanta sapienza tattica, perché lo scorso gennaio ha osservato i suoi calciatori, ha riflettuto, ha studiato ed ha poi trovato la svolta che ha cambiato il Milan, ovvero il passaggio al 4-2-3-1 che ha esaltato le qualità fisiche e temperamentali di Kessie, quelle tecniche di Bennacer (formando una coppia di mediani quasi perfetta), nonché le doti da rifinitore di Calhanoglu e quelle da idonea spalla di Ibrahimovic di Ante Rebic, sino a quel punto oggetto misterioso.

Cambiamento

E il Milan, grazie al cambio di scacchiere tattico, ha iniziato a macinare gioco, punti e vittorie, appoggiandosi a Ibrahimovic che ha indicato la via, spiegato come fare, ma che è stato poi anche assistito e seguito dai compagni, bravissimi a capire in fretta come poter camminare anche con le proprie gambe. Il modulo scelto da Pioli è stata la scintilla tattica che ha permesso ai rossoneri di innestare la loro marcia inarrestabile, frutto del lavoro di un tecnico semplice ma bravo, che non definiscono maestro o professore, che nelle interviste parla chiaro senza arzigogoli linguistici e senza dire “il mio calcio“. Pioli fa l’allenatore e non si dà arie, merce ormai troppo rara nel calcio moderno dei fenomeni da telecamera.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità