Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: Pioli già in ansia per l’inverno

Pubblicato

il

MILANO – La stagione 2020-2021 è terminata da poche settimane, ma già sembra incombere la prossima, quella che segnerà il ritorno del Milan in Coppa dei Campioni dopo 7 anni di assenza. La dirigenza rossonera è infatti già all’opera per rinforzare l’organico a disposizione di Stefano Pioli, per una squadra che dovrà rimanere competitiva in campionato, arrivare almeno in semifinale nella Coppa Italia e, possibilmente, non sfigurare in Europa. Per riuscirci, la formazione milanista dovrà poter contare su titolari all’altezza e riserve che sappiano non far rimpiangere i colleghi all’occorrenza.

Grana

Eppure, Pioli pare dover fare i conti già col primo problema dell’annata 2021-2022, perché nel prossimo calendario a febbraio i rossoneri saranno costretti a fare a meno della mediana titolare, formata da Bennacer e Kessie, perché impegnati con le rispettive nazionali di Algeria e Costa d’Avorio nella Coppa d’Africa. Una doppia assenza non da poco per il tecnico rossonero, perché i due centrocampisti africani rappresentano la cerniera centrale dello scacchiere tattico del Milan, oltre a fornire sostanza, qualità e muscoli a Pioli che sarà dunque obbligato a trovare soluzioni alternative.

Rimedi

Conoscere già il problema, però, potrebbe essere anche il primo passo per risolverlo, perché Pioli ed il club sanno fin d’ora che per qualche settimana dovranno rinunciare a Bennacer e Kessie, motivo per il quale la campagna acquisti estiva dovrà tenere conto di questo doppio forfait invernale, magari rinforzando l’organico con due centrocampisti in grado di non far sentire troppo la mancanza dei due titolari. Uno è già in rosa e si chiama Sandro Tonali, chiamato l’anno prossimo alla definitiva consacrazione, l’altro potrebbe essere un nuovo acquisto di spessore, oltre forse al rientro alla base di Tommaso Pobega, reduce dall’ottima stagione d’esordio in serie A nello Spezia.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità