Entra in contatto con noi

Analisi

E’ Pioli il segreto del Milan

I successi dei rossoneri portano in gran parte la firma del tecnico emiliano, il vero simbolo dei campioni d’Italia.

Pubblicato

il

Stefano Pioli (® Agenzia Fotogramma)

Non è stato casuale il rinnovo di Stefano Pioli col Milan fino al 2025, proposto dal club e immediatamente firmato dal tecnico parmense. Non è stato un caso né l’offerta e neanche la tempistica perché, come ha rivelato anche Paolo Maldini, far firmare l’allenatore prima di una partita di coppa decisiva come quella col Salisburgo ha un significato ben preciso: il Milan si fida del suo allenatore a prescindere dal risultato nel breve e nell’immediato. Certo, senza risultati nessun tecnico può sentirsi tranquillo, ma l’impressione è che la stima reciproca fra Pioli ed il club rossonero vada ben oltre.

Segreti

Il fatto è che da quando l’ex allenatore di Lazio e Fiorentina siede sulla panchina milanista, la squadra non ha mai realmente vissuto un momento di vera crisi e di difficoltà, fatta eccezione per i primissimi mesi, sfociati con lo 0-5 di Bergamo che ha di fatto trasformato e riscritto la storia recente del Milan. Pioli ha costituito un gruppo solido dal punto di vista tecnico e unito da quello caratteriale, difficile che ci siano lamenti o gelosie di chi non gioca, l’unico ad essersi lagnato (Bakayoko) è stato accantonato ed ormai segue le partite dalla tribuna con strambi copricapi in testa e poco altro.

Capacità

Dopo ogni sconfitta, il Milan di Pioli si è prontamente ripreso, quest’anno ha perso col Napoli ed ha prontamente vinto la successiva gara di Empoli, ha perso le due partite col Chelsea ma subito dopo ha battuto prima la Juve e poi il Verona, è crollato malamente col Torino ed ha travolto il Salisburgo dopo 72 ore, segno che i rossoneri possono perdere (come capita a tutti, del resto), ma difficilmente entrano in crisi, perché il tecnico ha preparato la sua squadra sia dal punto di vista mentale che fisico. Il Milan è l’unica formazione della serie A che non perde mai più di 2 gare di fila e ciò non è affatto un caso.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità