Entra in contatto con noi

Calciomercato

Luis Alberto sul mercato, il Milan riflette

Lo spagnolo potrebbe lasciare la Lazio già a gennaio e da almeno due anni piace ai rossoneri, ma l’operazione ha pro e contro

Pubblicato

il

Luis Alberto con la maglia della Lazio

Sembra ormai chiaro che le strade di Luis Alberto e della Lazio si separeranno, di certo a giugno, forse già a gennaio. Il rapporto fra il fantasista spagnolo e Maurizio Sarri non è mai decollato, le ultime panchine hanno probabilmente incrinato definitivamente un amore mai nato col tecnico toscano che ne aveva avallato la cessione già in estate e che ora ha richiesto alla dirigenza di lasciar partire il calciatore già alla riapertura del calciomercato invernale. La Lazio, che finora era stata piuttosto freddina all’idea, stavolta si è convinta e a gennaio cercherà di piazzare Luis Alberto altrove.

Interesse

Premesso che la destinazione preferita del giocatore iberico resta il Siviglia (club con cui ha già militato ad inizio carriera), il trequartista laziale fa gola anche in Italia e al Milan piace da almeno due anni. Luis Alberto sarebbe perfetto nel ruolo di numero 10 e permetterebbe anche a Pioli di ricoprire la falla sul settore destro dell’attacco dove Brahim Diaz ha già dimostrato di poter giocare e dove potrebbe adattarsi anche De Ketelaere. Il salto di qualità dal punto di vista tecnico sarebbe evidente, nonostante l’età del calciatore che a settembre compirà 31 anni.

Perplessità

Attenzione, però, perché se ci sono alcuni pro non vanno esclusi neanche i contro della potenziale operazione, soprattutto dal punto di vista economico: Luis Alberto è sotto contratto con la Lazio fino al 2025 e guadagna 3,5 milioni all’anno, cifre che rendono i suoi costi non così accessibili come potrebbe sembrare. Trattare con Lotito, inoltre, è tutt’altro che semplice e la Lazio non lascia partire il calciatore per meno di 25 milioni, prezzo che a Milanello a gennaio non hanno intenzione di spendere per un trentenne. La trattativa potrebbe decollare sotto forma di prestito per poi ridefinire il tutto a luglio, ma l’impressione è che a certe cifre Maldini e Massara non alzeranno la mano per chiedere udienza.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità