Entra in contatto con noi

Analisi

Quando rientrano gli infortunati del Milan

Pubblicato

il

L’anomala sosta in mezzo alla stagione, obbligata dalla disputa dei Mondiali in Qatar, ha spezzato in due un campionato in cui il Milan campione d’Italia in carica va all’inseguimento del Napoli capolista, convinto di poter operare una rimonta come quella dell’anno scorso sull’Inter. Stefano Pioli conta, oltretutto, di ritrovare i pezzi mancanti del suo mosaico, ovvero quegli elementi della rosa milanista che sono da tempo ai box per infortunio e che, con l’arrivo del 2023, sono pronti a tornare a disposizione del tecnico. Ma su chi potrà puntare Pioli già dalla trasferta di Salerno del 4 gennaio?

Ritorni

Sono ormai pronti Mike Maignan (che ha risolto i suoi problemi al polpaccio e che tornerà titolare con la Salernitana), Alexis Saelemaekers ed il capitano Davide Calabria, così come preoccupazioni non desta Simon Kjaer dopo gli acciacchi con la sua nazionale. Servirà più tempo, invece, per rivedere in campo Zlatan Ibrahimovic ed Alessandro Florenzi: entrambi migliorano giorno dopo giorno, lavorano sodo per accelerare i tempi, ma saranno disponibili non prima dell’inizio di febbraio, lo svedese anche per questioni anagrafiche, il laterale romano per la complessità dell’infortunio.

Forma

Infine, dal ritiro di Dubai in cui il Milan affronterà anche alcune amichevoli internazionali, Pioli inizierà anche a capire come rigenerare quei calciatori che hanno deluso nella prima parte di stagione. Charles De Ketelaere è il primo della lista, considerando anche il deludente mondiale suo e del Belgio, ma anche l’altro fiammingo Origi da cui il tecnico rossonero si aspetta gol quando Giroud dovrà tirare il fiato, da Dest che ha pure offerto buone prestazioni in Qatar, ma anche da Rebic che qualche volta ha pure segnato, ma che è apparso troppo altalenante per prendersi una maglia da titolare.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità