Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: chi sale e chi scende in vista della ripresa del campionato

Pubblicato

il

Finalmente, dopo quasi due mesi di sosta dovuta ai Mondiali in Qatar, la serie A è pronta a ricominciare col Napoli primo in classifica e con il Milan ad inseguire a 8 punti di distanza dai partenopei. La squadra di Pioli, nel periodo di stop, ha recuperato diversi infortunati e disputato alcune amichevoli che hanno fornito parecchie indicazioni al tecnico milanista, alcune positive ed altre negative, legate soprattutto ai risultati, dal momento che nelle gare internazionali contro Arsenal, Liverpool e PSV Eindhoven sono arrivate altrettante sconfitte e soprattutto la sfida in Olanda è stata molto al di sotto delle aspettative.

Chi sale

Di buono ci sono i rientri di Calabria e Saelemaekers, apparsi subito in palla e desiderosi di riprendersi il tempo perduto. Tonali e Bennacer, poi, hanno preso in mano il centrocampo rossonero con forza, eleganza e personalità, dando l’impressione che molto alla ripresa del campionato passerà dai loro piedi e dalle loro idee. Indecifrabile l’attacco perché Origi è ko, Ibrahimovic ancora in via di recupero e Giroud appena rientrato dagli impegni in nazionale come Theo Hernandez, anche se Rebic a sprazzi è sembrato in palla, così come Lazetic che, però, è ancora troppo acerbo per giocare con continuità.

Chi scende

La difesa ha subìto troppi gol e ad Eindhoven si è dimostrata svagata e distratta, al di là delle prodezze degli attaccanti olandesi. C’è l’incognita legata a Mike Maignan, il cui rientro sta slittando più del previsto, con Pioli costretto a puntare su Tatarusanu e Mirante, complici anche le difficoltà di reperire un altro portiere a buon mercato in pochi giorni. E’ sembrato ancora abulico Charles De Ketelaere, reduce peraltro da un pessimo mondiale con la sua nazionale, dal quale l’intero ambiente milanista si aspetta quel salto di qualità che potrebbe regalare ai campioni d’Italia diversi punti nella seconda parte della stagione.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità