Entra in contatto con noi

Analisi

Il Milan ristruttura il centrocampo

Pubblicato

il

MILANO – Continuano le idee, i sondaggi e gli abbozzi di trattative per i dirigenti del Milan che hanno come obiettivo quello di rinforzare l’organico a disposizione di Stefano Pioli, chiamato dopo 7 anni di assenza a calcare di nuovo i campi della Coppa dei Campioni, oltre a confermarsi fra le prime quattro squadre della serie A. Uno dei reparti maggiormente da potenziare per Maldini e Massara è certamente il centrocampo, orfano di Calhanoglu (passato all’Inter dopo non aver rinnovato coi rossoneri) e di Meité, non riscattato e tornato al Torino.

Chi avanza

Da considerare, poi, anche l’assenza di Bennacer e Kessie per qualche settimana in inverno quando andranno a giocare la Coppa d’Africa con le rispettive nazionali. In rampa di lancio per la mediana milanista c’è Brahim Diaz, già in prestito ai rossoneri dal Real Madrid l’anno scorso e pronto a tornare a Milano con ottime possibilità di essere titolare (quasi fisso). Forte interesse pure per un altro ritorno, quello di Tiemoué Bakayoko, che il Milan potrebbe riprendere a titolo temporaneo sfruttando anche il contratto in scadenza col Chelsea del centrocampista nel 2022.

Chi scende

Meno possibilità, invece, sembra avere Mattia Zaccagni del Verona che il Milan segue da tempo ma che viene considerato solo un’eventuale alternativa, motivo per cui le cifre chieste dal club veneto sono ritenute troppo onerose dai rossoneri. Complesso anche arrivare a Dani Ceballos e a Ziyech (prezzi altissimi anche in questi casi), mentre l’interesse per Mikkel Damsgaard della Sampdoria è reale, ma l’affare risulta in salita poiché i liguri vorrebbero trattenere il danese per almeno un’altra stagione. La ristrutturazione del centrocampo milanista, in ogni caso, appare appena nella sua fase embrionale.

Clicca per commentare

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità