Entra in contatto con noi

Pagelle

Milan, brusco passo indietro: il pareggio è un regalo firmato Maignan

Sembra che abbiano staccato la corrente alla squadra di Pioli. Non c’è nulla che funzioni e soprattutto nessuno che riesca a elevarsi dalla mediocrità generale. Ora resettare in fretta e testa al derby in programma sabato pomeriggio.

Pubblicato

il

MAIGNAN – Un appoggio sbagliato di Mike al 2’ fa strabuzzare gli occhi all’intero Mapei Stadium. Un fenomeno che si ripete ogni milione di anni, come il passaggio della cometa di Halley. Evento molto meno raro è invece l’ennesimo miracolo di MMM sul calcio di rigore calciato da Berardi al 21’ e neutralizzato dal fenomeno francese. 8 

FLORENZI– Sente la pressione del giocatore esperto e dopo pochi minuti è già a litigare con Rogerio per far sentire ai giovani compagni il peso della sua leadership. Contribuisce a regalare il rigore al Sassuolo al 21’ con un intervento stereofonico con Saelemaekers sull’avversario. Entrambi i rossoneri dovranno pagare una cena di pesce a Maignan. Sbaglia anche un rinvio al 34’ regalando palla a un avversario nel cuore dell’area di rigore. Esce nel finale per un infortunio lasciando la sua squadra in 10. 5,5

KJAER – Bentornato guerriero vichingo, è bello riabbracciarti in campo 9 mesi dopo quel maledetto infortunio al ginocchio. Sembra un po’ arrugginito, ma la qualità della sua prova passa in secondo piano rispetto alla gioia di rivederlo nella formazione titolare. 6

TOMORI – Anche Fik contribuisce alla sagra del passaggio sbagliato in un paio di circostanze. Rispetto a molti suoi compagni di squadra però mantiene alto il livello della concentrazione e alla fine non sfigura. 6

HERNANDEZ – Vaga per il campo con l’obiettivo di disorientare la difesa avversaria. Il risultato invece è che è lo stesso Theo a perdere il senso della posizione. La misura della confusione generale della squadra è offerto dal calcio di punizione da circa 50 metri che al 73’ il capitano di giornata rossonero tenta di spedire in porta, dando vita invece a una conclusione inguardabile. Straordinaria però la diagonale con recupero in velocità al minuto 85’ che vale quasi un gol. 6

BENNACER – Prova disperatamente a dare un senso alla manovra rossonera, ma oggi sembra tutto complicato. Resta comunque uno dei migliori, ma non è che ci voglia molto. 6,5

POBEGA – Un bell’inserimento dell’ex granata al 7’ consente a Leao di battere a rete. Poi tanta corsa ma anche una discreta dose di imprecisione. Ha una buona opportunità ma anzichè servire uno dei suoi compagni smarcati tenta una conclusione improbabile facile preda della difesa neroverde. 5,5

SAELEMAEKERS – Intraprendente come ai bei tempi, anche troppo al 21’ quando interviene su Kyriakopoulos provocando il rigore che poi Magic Mike neutralizza. Sente il peso di dover fare qualcosa di buono, ma non ci riesce mai, anzi ogni volta che tenta il dribbling e la giocata personale finisce sempre per perdere il pallone. 5

BRAHIM DIAZ – Bello il movimento ad aggirare il difensore del Sassuolo, poi però il suo destro un po’ masticato si perde a lato senza impensierire Consigli. Fa sempre un’enorme fatica a trovare il suo spazio all’interno della manovra rossonera, quando poi però ha l’occasione di mettere il pallone sulla testa di Giroud al 50’ il cross è sballato. 5

LEAO – Il primo squillo di Rafa arriva al 7’ ma la sua conclusione di controbalzo vola fuori dallo stadio. Ci riprova al minuto 11 e stavolta il suo destro potente sfila via pochi centimetri accanto all’incrocio del pali. Per il resto poca qualità nelle sue giocate. 5

GIROUD – La prima palla buona che gli arriva Giroud la annichilisce con una ciabattata di sinistro che finisce quasi in calcio d’angolo. Non è decisamente la sua giornata e al 72’ esce per far spazio ad Adli. 5

DE KATELAERE – Difficile entrare nei meccanismi di una squadra slegata e in evidente difficoltà. Il belga ci prova e al 94’ trova dal bidone della spazzatura una palla che sembrava persa, l’assist per Leao però non viene sfruttato. 6

TONALI – Prova a scuotere i compagni ma manca la corrente, a tutta la squadra. 6

MESSIAS – Entra con brio e voglia di fare, ma anche il brasiliano fatica a fare qualcosa di buono in mezzo al piattume generale. Al 95’ si prodiga in una bella diagonale difensiva che toglie un po’ di castagne dal fuoco ai suoi compagni. 6

ADLI – Pioli lo butta nella mischia schierandolo alto a destra, contraddicendo le sue dichiarazioni di tre giorni fa. Il francese si impegna senza trovare il guizzo. 5,5

KALULU s.v.

PIOLI – Un Milan troppo brutto per essere vero: squadra praticamente irriconoscibile, insipida e pressoché inconsistente davanti, precaria e tremebonda dietro, almeno nel primo tempo. Nella ripresa almeno si riassesta la difesa, ma il pareggio resta un lusso per quello che si è visto in campo, grazie al rigore parato da Maignan. Neppure i 5 cambi nella ripresa riescono a dare la scossa. 5